Mi chiamo Carlo De Marchi e vivo a Roma da 20 anni.
Ho studiato Lettere a Milano, dove sono nato quasi 50 anni fa, e poi Teologia.
Ho lavorato 10 anni in una Ong internazionale e ho seguito progetti di sviluppo in Africa, America Latina e tanti altri posti.
Sono sacerdote dal 2008 e sono incardinato nella prelatura dell’Opus Dei.
Ho un debole dichiarato per il gelato, adoro i quadri di Vermeer e di Klee, le canzoni di Bruce Springsteen, le comiche di Stanlio e Olio, le poesie di Montale e quelle di Bilbo Baggins.
Viaggio sempre con una versione digitale dell'opera omnia di Chesterton.
Penso che la felicità sia anche nelle piccole cose e che per trovarla bisognerebbe sorridere di più, soprattutto nel traffico